Tra legalizzazione cannabis e depenalizzazioni nel mondo, l’Italia è molle.

Non c’è niente da fare, l’Italia oltre che per la cultura si presenta molle carente anche dal punto di vista dei diritti, verso i quali lancia continuamente messaggi proibizionisti, per negare una semplice verità: la marijuana o cannabis è una pianta e come tale verrà assunta!
Essendo tale è totalmente illogico proibirla, facciamolo per la camomilla o lo zucchero, che causa milioni di morti al mondo, silenziosamente.
Quindi la legalizzazione della cannabis è assolutamente necessaria!


Noi abbiamo creato la “marijuana legale”, come dire il sole che abbronza a norma di legge

Ho cercato un po’ di dati sui consumatori di cannabis, quanti soldi lasciamo scivolar via. Al 2015 secondo La Repubblica i consumatori di cannabis erano il 10% della popolazione, ovvero 4 milioni di persone, perdendo ogni anno 8,5 miliardi di euro, che traslocavano (tutt’ora anche) puliti nelle tasche della criminalità organizzata. Bella logica.
Oggi ero particolarmente felice quando mi imbatto in una serie di articoli, il New Mexico depenalizza e va verso la legalizzazione, l’Ohio produce estratti destinati all’uso medico con al cannabis, in Canada nascono prodotti come birre e tanti altri, quasi tutti gli stati negli U.S.A. (37 su 51) hanno legalizzato la cannabis, regolamentato per fini ricreativi o medicali.

Quando l’Italia si sveglia con la consapevolezza di essere stronza

E noi? Noi abbiamo creato la “marijuana legale”, come dire il sole che abbronza a norma di legge, ragazzi miei siamo ridicoli.
Se non per il fatto che anche in questi casi ci dimostriamo creativi e avanzano nuovi business potenziali, quindi per me libera impresa italiana 1- governo (e quindi status quo) 0.

Sarò sempre a favore della legalizzazione della cannabis e attraverso questo blog scriverò di quest argomento fino a che norme civili e panali si adatteranno ad una logica non più proibitiva ma favorevole al consumo ed alla commercializzazione legale di questo dono della natura. Voi che ne pensate? Ditelo lasciando un commento.

Lascia un commento